Turismo sostenibile in Abruzzo

Se viaggiare per te significa visitare dei sentieri autentici e fuori mano, trovare una via di fuga dallo stress quotidiano e vivere più sostenibile, quindi entrare in contatto con la gente del posto e degustare deliziosi prodotti a km zero, l’Abruzzo potrebbe essere la destinazione perfetta.

Questa bellissima regione, racchiusa tra l’Appennino e la costa adriatica a sole due ore da Roma, è conosciuta come la regione più verde d’Europa, in quanto un terzo del territorio è iscritto in aree protette: tre Parchi Nazionali (Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, Parco Nazionale della Majella e Parco Nazionale del Gran Sasso), un Parco Regionale (Sirente- Parco Regionale del Velino) e 38 Riserve Naturali.

Le persone qui tendono a rallentare e prendersela comoda, godersi le piccole cose, come ammirare il paesaggio, stare insieme e trascorrere del tempo di qualità con i propri cari.

Credo fortemente che questa sia la vera anima dell’Abruzzo, una regione che può presentarsi quindi come ambasciatrice del viaggio lento e del turismo sostenibile e fa di tutto per preservare ciò.
Fare una vacanza in Abruzzo significa promuovere la cultura locale come segno di viaggio responsabile, aiutare a conservare un certo stile di vita e verrai coinvolto nelle attività quotidiane delle più piccole imprese a conduzione familiare, con tour enogastronomici ad esempio.

Quindi perché parliamo di turismo sostenibile in Abruzzo?

Innanzitutto per la calda ospitalità della gente del posto: qui tutti sono famiglia e amici, vivrai la vita quotidiana e difficilmente ti sentirai solo un turista.

Vuol dire viaggiare fuori dai sentieri battuti: stare lontano dalla folla e conoscere molto bene la terra quindi prendersi cura di ogni singolo dettaglio, scoprendo dalla montagna al mare alcune gemme nascoste e ancora lontane dai classici circuiti turistici.

Ma il turismo è sostenibile soprattutto quando si parla di patrimonio gastronomico. Il cibo qui è una cosa seria!
La cucina abruzzese è profondamente influenzata dalla posizione della regione e assaggiando i prodotti locali, prodotte, vendute e mangiate localmente come l’olio extra vergine di oliva, la semplice salsa di pomodoro, olive, vino e formaggio, non solo assaporerai questa terra ma ti sentirai come un vero abruzzese.

Cibo locale sulla Costa dei Trabocchi, ad esempio, oltre gli immancabili arrosticini, significa anche brodetto alla vastese, una zuppa ricca di pesce fresco dell’Adriatico e cotto a fuoco lento in un brodo di pomodoro, per non dimenticare di citare la nota ventricina, un premiato salame di maiale aromatizzato con finocchio e pepe rosso essiccato (dolce o piccante), gli imperdibili spaghetti alla chitarra, e molti altro, dall’entroterra giù verso la costa.

Il tutto può essere accompagnato da un ottimo vino locale bianco, rosato o rosso, e ogni pasto dovrebbe concludersi con un ammazzacaffè degno di nota, come la mitica Ratafià, un blend di Montepulciano d’Abruzzo e amarene (frutti o foglie) dette localmente “visciole “.

Sostenibilità in Abruzzo vuol dire però anche tanto immenso verde e panorami mozzafiato.

L’Abruzzo ha il 75% delle specie floristiche e faunistiche d’Europa, tre Parchi Nazionali e tonnellate di riserve naturali.
Troverai le piste da sci appenniniche sul versante ovest in inverno e le acque azzurre del mare Adriatico sulla costa da vivere in estate: potrai sciare ammirando il mare, o goderti un perfetto tramonto sulla spiaggia guardando le montagne innevate, ogni mese dell’anno.

Ci sono molte opportunità per fare attività all’aria aperta, dall’escursionismo allo sci, e anche in bicicletta o a piedi sull’ex ferrovia che è stata trasformata in un fantastico sentiero a picco sul mare: la Ciclopedonale, la Via verde della Costa dei Trabocchi.

Vanno menzionati anche i borghi medievali incantati.

Passeggiare per le stradine dei borghi medievali ti farà tornare indietro nel tempo: tutti loro hanno una ricca storia culturale e conservano ancora tradizioni molto forti.

L’Abruzzo ospita il forte più alto d’Italia (1.500 metri / 4.921 piedi sul livello del mare), Rocca Calascio, alcune dei borghi più fotografati come Scanno, Villetta Barrea (dove non è raro imbattersi in cervi e cerbiatti lungo le vie del paese)e Santo Stefano di Sessanio e un “Castello nel cielo” mozzafiato, Roccascalegna.

Sulla costa menzioniamo Vasto, come borgo sul mare, ricco di storia mescolato alla modernità di eventi anche per i giovanissimi.

Un paragrafo per Vasto, una collina di un’antica città romana affacciata sul mare Adriatico: il centro storico è un incantevole luogo medievale con splendidi edifici risalenti al XV secolo.
Ti innamorerai della Loggia Amblingh , una passeggiata panoramica dalla quale potrai ammirare il golfo azzurro, e quando il cielo è terso potrai avvistare anche le Isole Tremiti e il promontorio del Gargano in Puglia.
Vasto è anche conosciuta per alcune splendide spiagge e per la riserva naturale di Punta Aderci.

La Costa dei Trabocchi

Fare le tue vacanze qui significa che quando torni a casa dopo aver vissuto un’esperienza unica di pranzo o pesca su un trabocco, niente sarà più come prima e cambierai il tuo modo di viaggiare.

Il trabocco è un’antica struttura di rete da pesca tipica della zona e che dà il nome alla Costa dei Trabocchi, un percorso di 70 chilometri (43,5 miglia) di litorale che si estende da Ortona a Vasto. Alcuni di essi sono ancora gestiti da generazioni di pescatori che li hanno convertiti in ristoranti.

L’ idea di turismo sostenibile qui significa ottenere il meglio da tutto questo, fare in modo che questi “segreti d’Italia” diventino esperienze indimenticabili e aiutino a sopravvivere i luoghi del territorio.

Vuol dire preservare uno stile di vita e insegnare alle generazioni future l’importanza di prenderci cura delle risorse e acquisire una profonda consapevolezza delle nostre terre italiane, anche le meno note: in Abruzzo ti appassionerai delle esperienze vere e coltiverai la voglia di tornarci, di accogliere sempre questo lento modo di vivere e auspicando che i viaggiatori di tutto il mondo conoscano questo “regno”.
Sosterrai l’economia locale, il chilometro 0, il che significa anche visitare artigiani e boutique locali e dare loro l’opportunità di farsi conoscere meglio a livello globale.

Pronto a vivere l’Abruzzo con noi?

Vivi l'effetto WOW che il nostro paese offre!

Seguici sui social!

Informazioni di contatto

Gli ultimi articoli

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright © 2020 – ItaliaWOW